Scale per interni: manutenzione e cura dei materiali

Le scale di pregio richiedono trattamenti specifici per preservare la loro bellezza: ecco le migliori ricette per mantenere splendente ogni superficie

Le scale di design personalizzate si adattano perfettamente alla nostra casa e creano un ambiente unico e affascinante. Per mantenere nel tempo il loro valore è necessario salvaguardare la loro bellezza con le giuste cure e i giusti accorgimenti.  È quindi importante sapere in quale modo intervenire sugli elementi che le compongono per mantenerle pulite e brillanti senza rischiare di rovinarle. Ai differenti tipi di superficie corrispondono differenti metodi di pulizia e l’uso di diversi tipi di prodotti.

Ecco le ricette più essenziali ed ecologiche per trattare i materiali più utilizzati nelle moderne scale per interni.

Scale in Acciaio

L’acciaio inox è un materiale dotato di grande resistenza, come dice il suo nome non presenta rischi di ossidazione, soprattutto per quanto riguarda le scale per interni che non sono sottoposte agli agenti atmosferici. Necessita però di un certo grado di manutenzione e pulizia per mantenere intatte le sue caratteristiche, la sua lucentezza e il senso di sobrietà e modernità che dona all’ambiente circostante.  

Per prima cosa è importante provvedere ad una pulizia più superficiale ma più frequente che serva ad evitare l’eccessivo accumulo della polvere. Tendenzialmente per questo fine può bastare passare con un panno umido ma non troppo imbevuto in modo che sia possibile  togliere la polvere senza rischiare di creare aloni.

Questa pulizia ordinaria va però integrata con una una pulizia più profonda, da effettuare con meno frequenza, per togliere elementi di sporco più persistenti che nel tempo possono accumularsi sulla superficie come le impronte digitali.

Per questa pulizia è indicato un lavaggio con acqua e sapone. E però molto importante fare attenzione al risciacquo e provvedere ad una accurata asciugatura con un panno morbido, per evitare che rimangano aloni dovuti ai residui dell’acqua.

In caso si presenti dello sporco più persistente, magari portato dalle suole delle scarpe, possono essere necessari interventi più mirati. Si possono utilizzare detergenti specifici per l’acciaio, che però non devono essere acidi né abrasivi.

Questi detergenti sono spesso molto aggressivi ed è bene evitarli quando possibile, anche perché sono nocivi per la salute e per l’ambiente. Solitamente è sufficiente utilizzare una miscela più concentrata di acqua e sapone o detersivo da passare energicamente con una spugna morbida o con un panno in microfibra.

Da evitare: è importante evitare di utilizzare spugne dure, abrasive o eccessivamente ruvide che potrebbero segnare l’acciaio e renderlo meno brillante.

È inoltre importante evitare di utilizzare candeggine o prodotti a base di cloruri che rischierebbero di creare macchie sulla superficie.

Scale in Vetro

Per quanto riguarda le superfici in vetro è buona norma iniziare da una primo passaggio con un panno morbido per togliere il grosso della polvere. L’uso di un panno bagnato può infatti portare alla creazione di fastidiosi pelucchi.

La pulizia vera e propria può essere invece effettuata con una soluzione semplice ed ecologica: una miscela di Acqua e aceto è infatti ideale per pulire a fondo, disinfettare ed evitare la formazione di aloni. Una proporzione di 100 millilitri di aceto bianco per ogni mezzo litro d’acqua è sufficiente per ottenere i risultati sperati, e l’efficacia può essere aumentata dall’uso di acqua calda.

Per i casi più difficili è possibile aggiungere anche dell’alcool. La miscela può essere versata in un flacone spray per aumentare la comodità di utilizzo. È cmq indicato impiegare poco liquido alla volta e se si fa attenzione non è necessario risciacquare.

Anche il vetro ha una resistenza elevata ma è più soggetto ai graffi rispetto all’acciaio, è quindi molto importante utilizzare panni morbidi e non abrasivi.

Il panno in microfibra è molto indicato per la pulizia del vetro. Basta infatti semplicemente inumidirlo con acqua tiepida o fredda e strizzarlo accuratamente prima di passarlo sulla superficie per ottenere ottimi risultati,  senza che ci sia necessità di risciacquare.

I panni in microfibra possono inoltre essere riutilizzati, basta lavarli a mano con del sapone, e sono quindi una buona soluzione per evitare l’usa e getta. Soprattutto nel caso non si abbia a disposizione un panno in microfibra rimane comunque sempre d’attualità il vecchio espediente della carta di giornale. I quotidiani forniscono infatti un materiale perfetto per asciugare i vetri, a fondo e senza aloni, dopo il passaggio con il panno bagnato. Soprattutto nel caso delle superfici più ampie, come le balaustre in cristallo, può essere importante anche la tecnica con cui si procede al passaggio del panno. Per ottenere buoni risultati si consiglia infatti di effettuare movimenti in senso orizzontale a partire dal centro della superficie. E giungere successivamente alle parti più esterne che richiedono invece movimenti in senso verticale.

Da evitare: è fortemente sconsigliato pulire superfici di vetro quando sono sottoposte alla luce diretta del sole, il liquido usato per la pulizia si asciuga troppo velocemente rendendo molto più probabile la creazione degli aloni.

Scale in Legno

Il legno è un elemento prezioso e delicato. Nonostante l’applicazione di verniciature speciali rimane un materiale da trattare con cura.  Anche in questo caso è presente il pericolo di graffi e abrasioni. Quando ci si accinge alla pulizia di una scala in legno è quindi buona norma procedere per prima cosa ad un’attenta passata con scopa o aspirapolvere per togliere lo sporco più grosso o i detriti che potrebbero causare graffi della superficie al successivo passaggio con il panno.

Effettuato questo passaggio preventivo per la pulizia ordinaria delle scala è infatti sufficiente un secondo passaggio con un semplice panno umido per togliere definitivamente tutta la polvere.  Anche in questo caso può essere necessario l’uso di detergenti specifici per lo sporco più persistente.

È anzi buona norma prevedere almeno una volta l’anno un lavaggio con questo tipo di detergenti per nutrire il legno, ravvivarne i colori e rafforzarne  la lucentezza. Bisogna però assicurarsi che siano detergenti non aggressivi non alcalini e non abrasivi.

Un’alternativa comoda ed efficace per la pulizia delle scale in legno è data dall’utilizzo dei panni cattura polvere. Se ne trovano in commercio di varie marche e dimensioni. Grazie alla loro particolare costituzione questi panni sono in grado di raccogliere la polvere in maniera efficace con una sola passata.

Possono essere quindi ideali per effettuare una pulizia più frequente senza impiegare  troppo tempo ed evitare il formarsi di residui di pulviscolo che possono avere un effetto abrasivo quando la superficie in legno viene calpestata.

Da evitare: l’applicazione sulle scale in legno, alla fine della pulizia, di cere e oli può rendere la scala scivolosa e quindi molto pericolosa.

In alcuni casi l’uso di oli naturali come per esempio l’olio paglierino può essere molto utile per pulire e nutrire il legno, ma è fondamentale rimuovere il più possibile l’olio con una attenta passata finale e ricordarsi di avvertire i familiari del lavoro effettuato.

Scarica la versione pdf dell’articolo

SCALE PER INTERNI: MANUTENZIONE E CURA DEI MATERIALI

Scarica la versione pdf dell’articolo

SCALE PER INTERNI: MANUTENZIONE E CURA DEI MATERIALI